Intorno ai "Carmina burana"

GIULIO BERTONI
1912 Zeitschrift für Romanische Philologie  
Intorno ai "öarmina burana", Che nei Carmina bürana parecchi componimenti si abbiano di non dubbia origine francese e cosa naturale (dato il posto ehe la Francia occupa nella storia della poesia goliardica) e generalmente riconosciuta. Mi propongo di dimostrare ehe alcuni di questi componimenti non sono entrati a far parte della preziosa silloge ehe dopo aver circolato, per un tempo piü o men lungo, in Italia. Comincio dal n°. 81 (dell* ediz. Schmeller) su cui giä il Bartsch ebbe a intrattenere
more » ... ebbe a intrattenere brevemente gli Studiosi con un suo articoletto intitolato: "ein lateinisch-provenzalisches Lied". 1 In veritä, io non credo ehe esista quella miscela di elementi francesi e provenzali, con forte prevalenza dei secondi, ehe il Bartsch dice trovarsi nei passi in lingua romanza di questa curiosa poesia. Credo, invece, ehe essa, composta in Francia (vedremo da chi), sia stata cantata in Italia e quivi, com' e naturale, italianizzata. La riproduco quäle sta nei ms., avvertendo ehe tengo sott* occhio la collazione del Patzig 1 e le osservazioni del Meyer, 3 per le quali resta assodato ehe lo Schmeller, non essendosi avveduto di uno spostamento di alcuni fogli nei codice, fuse insieme due componimenti, con iscapito del senso e del ritmo. B testo risulta invece, in modo sicuro, dei nn 1 . 169 e 81 (str. 4-9) deflo Schmeller e suona: 4 für deutsches Altert hum, XXXVI, 188. 8 W. Meyer (aus Speyer), Fragmenta burana t in Festschrift zur Feier des hundertfünfzigjährigen Bestehens der konigl. Gesellschaft der Wissenschaften zu Göttingen, Berlin, 1907, pp. 7-8. 4 Lo riproduco quäle e dato dallo Schra. e vi introduco, come ho detto, il rieultato della collazione del Patzig. Brought to you by |
doi:10.1515/zrph.1912.36.1.42 fatcat:lit5ffftrbc3lefce5idcaxjny