Baden Powell e il dibattito anglicano (1800-1860)

P Corsi, L 'evoluzionismo Prima Di Darwin
2015 NOTES & DISCUSSIONS-LPh   unpublished
In the following note I address the figure of the British theologian and mathematician Baden Powell (1796-1860), by drawing on an important monograph by Prof. Pietro Corsi recently published in Italian. Powell's work responded to a cultural strategy of assimilation of philosophical and scientific novelties within a fundamentally conservative view of society. Here, I provide a brief sketch of Powell's attempt to rethink natural theology in the light of the latest scientific hypotheses, including
more » ... potheses, including those regarding the evolution of living beings. Che la pubblicazione di On the Origin of Species (1859) abbia segnato un momento nodale nella storia del pensiero scientifico è qualcosa di cui è difficile dubitare. Ma la scoperta di Darwin non avvenne nel vuoto scientifico o culturale. Una lunga stagione di dibattiti-sul rapporto fra geologia e Scritture, sulla questione delle specie, sulla legittimità delle ipotesi nella scienza-aveva infatti plasmato la mentalità vittoriana, anche al di fuori della cerchia degli specialisti, rendendola più ricettiva nei confronti delle novità scientifiche, incluse quelle apparentemente più radicali. Che la teoria darwiniana fosse maturata in un preciso contesto e che lo studio di quest'ultimo sia necessario per comprendere le reazioni che Tra teologia naturale ed evoluzionismo. A proposito di Baden Powell 324 ne seguirono è un fatto, per banale che sia, spesse volte dimenticato. 1 E una delle figure più importanti di quella stagione di dibattiti fu senza dubbio il teologo e matematico Baden Powell (1796-1860). La pubblicazione di L'evoluzionismo prima di Darwin. Baden Powell e il dibattito anglicano 2 di Pietro Corsi-professore di Storia della scienza presso la Faculty of History della University of Oxford-è dunque un evento editoriale da salutare con favore. È merito della casa editrice Morcelliana l'aver ripresentato al pubblico italiano (trad. di Salvatore Ricciardo) un testo apparso nel 1988 con il titolo di Science and Religion: Baden Powell and the Anglican Debate, 3 che ha da allora costituito un fondamentale punto di riferimento nell'ambito della storia dell'evoluzionismo e dell'Ottocento britannico, in particolare per gli studiosi del rapporto tra scienza e religione in età Vittoriana e dei risvolti teologici del pensiero evoluzionistico. 4 Quella di Baden Powell non è una figura molto frequentata. Eppure, la sua vicenda intellettuale fu tale da riflettere in maniera quasi esemplare le trasformazioni culturali conosciute dalle élite inglesi nella prima metà dell'Ottocento. Adottare il punto di vista di una figura minore al fine di approfondire quel contesto culturale costituisce una sorta di antidoto alla storiografia 'agiografica', interessata a figure di maggiore risonanza quali Coleridge, Bentham, Mill o Darwin. Come spiega Corsi, in garbata polemica con quella "tradizione storiografica che [...] ha insistito sulla rottura con il passato ad opera di pensatori [...] impegnati in un faticoso processo di modernizzazione del paese, [...] non furono John Stuart Mill o Charles Darwin a marginalizzare il vecchio conservatorismo, ma furono le élite sociali ed economiche a convincersi che la difesa di privilegi e ricchezze richiedeva coraggiosi compromessi con la modernità. Sono queste élite che [...] 'adottarono' Mill e Darwin, e non questi ultimi a 'convertirle' al nuovo". 5 1 Un volume ormai classico che ricostruisce aspetti di tale contesto è A. Desmond,
fatcat:g6zg54zxejh45mce5i5f6ph2xa