Bollettino telematico di filosofia politica Overlay journal of political philosophy Un Commento Articoli recenti

Maria Pievatolo, Francesca Donato
unpublished
« Lawrence Lessig, The architecture of access to scientific knowledge: just how badly we have messed this up Francesca Di Donato, Lo stato trasparente. Linked Open Data e cittadinanza attiva » Maria Popova, In a new world of informational abundance, content curation is a new kind of authorship Scritto da MARIA CHIARA PIEVATOLO | Pubblicato: 22 GIUGNO 2011 Il testo, pubblicato presso il Nieman Journalism Lab, prende spunto dall'uso di Twitter come strumento per segnalare indirizzi. Questa
more » ... izzi. Questa tecnologia, come diceva Socrate nel Fedro a proposito del testo scritto, può apparire esposta al rischio di renderci smemorati e "sconnessi", se non ne comprendiamo il senso. I nuovi mezzi di comunicazione si devono misurare non con la scarsità dell'informazione, ma con la sua sovrabbondanza: i segnalatori, orientando l'attenzione, svolgono un lavoro che-avrebbe detto Platone-ha più a che fare con l'anamnesis che con l'hypomnesis: non si limitano a riportare informazioni, ma suggeriscono dei percorsi e dei nessi. Sono cercatori di conoscenza e battitori di piste. Se si ammette il carattere ricognitivo e non meramente informativo del lavoro dei curatori, bisogna anche riconoscerli come una nuova specie di autori. La rappresentazione dell'autore come creatore di contenuti è tipica del mondo della stampa e della cosiddetta proprietà intellettuale; il curatore, che produce testi fisicamente aperti e interconnessi, è invece più simile a un mediatore, a un custode della sapienza della rete. A sostegno di questa tesi segnalo in aggiunta, nella mia veste di curatrice, il recentissimo Post-artifact booking, di Kevin Kelly, che rappresenta il networked book come una collezione dinamica di link, frutto di un'attività di cura, anziché come un artefatto immutabile com'era nell'età della stampa e dei monopoli intellettuali. E mi piace ricordare che Kant, in un testo pochissimo compreso dai kantisti accademici, aveva già in mente questa visione quando trattava il libro com e discorso e i curatori come autori. Non aveva bisogno di essere profetico: l'uso del testo come strumento per mettersi in rapporto col pubblico, e la sua moltiplicazione, reinterpretazione e diffusione grazie all'opera di curatori, era parte di quel processo rivoluzionario di disseminazione del sapere che prende il nome di Illuminismo. Invia l'articolo in formato PDF Inserisci l'indirizzo email Inviare Questo articolo è stato pubblicato in Articoli, Copyright, Filosofia politica, Open access, Sociologia della comunicazione e ha le etichette autore, comunicazione, copyright, cura, Kant, Platone. Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.
fatcat:3pkl7v7o5resfmezrtlx5d55iy