Criptococcosi cutanea in un ospite immunocompetente Cutaneous cryptococcosis in an immunocompetent host 42 2003

Carmine Coppola, Giovanna Ferraioli, Ferdinando Scarano
2003 Le Infezioni in Medicina, n   unpublished
s PREMESSA L a criptococcosi è una infezione opportuni-stica causata dal lievito Cryptococcus neofor-mans. La malattia ha un decorso subacuto o cronico e localizzazione prevalentemente me-ningoencefalica o polmonare [1-5]. Sono state descritte anche lesioni cutanee e forme genera-lizzate [6-10]. La criptococcosi si manifesta so-prattutto in soggetti immunocompromessi quali i pazienti affetti da AIDS, linfoma, sarcoidosi, malattie neoplastiche o pazienti in terapia ste-roidea o immunosoppressiva
more » ... o immunosoppressiva [11-16]. In lettera-tura sono descritti casi di criptococcosi manife-statasi in soggetti immunocompetenti [17-23]. Segnaliamo il caso di una paziente affetta da malattia epatica cronica HCV-Ab positiva in buon compenso funzionale che presentava le-sioni cutanee da Cryptococcus neoformans. s DESCRIZIONE DEL CASO C.M., di anni 62, di sesso femminile, è stata rico-verata nella Unità Operativa di Medicina del no-stro Ospedale per la comparsa di un nodulo ascessualizzato al braccio destro. La paziente era affetta da ipertensione arteriosa trattata con nifedipina ed era portatrice di epatite cronica HCV-Ab positiva in buon compenso funzionale. Circa 5 mesi prima del ricovero, era comparsa una lesione cutanea infiltrata al gomito destro che si era successivamente ascessualizzata. La lesione, nonostante fosse stata sottoposta a toi-lette chirurgica, aveva avuto un processo di guarigione molto lento. Un mese prima del rico-vero la paziente aveva notato la comparsa di una formazione cutanea nodulare in regione ipogastrica. Anche questa formazione, che pre-sentava caratteristiche simili alla precedente, era stata sottoposta ad escissione chirurgica. L'esa-me microscopico del materiale prelevato dalla lesione aveva evidenziato un infiltrato linfo-istiocitario con una reazione granulomatosa, il quadro era stato ritenuto compatibile con un processo infiammatorio da corpo estraneo. All'esame obiettivo effettuato all'ingresso la pa-ziente appariva in buone condizioni generali. Era presente una lieve epatosplenomegalia; non si rilevavano linfoadenomegalie. L'esame neu-rologico e l'obiettività respiratoria erano nega-tivi per patologia in atto. A livello della regione deltoidea del braccio destro era presente una tu-mefazione nodulare del diametro di circa 5 cm. La lesione era poco dolente alla palpazione e presentava una consistenza duro-elastica ai bor-di mentre era più soffice centralmente. La cute sovrastante era normale, non vi era aumento della temperatura al termotatto. Gli esami di laboratorio evidenziavano una lieve pancitopenia (globuli rossi 3.610.000/mmc, glo-buli bianchi 3.610/mmc, piastrine 135.000/mmc, Hb 11,1 g/dl) con una formula leucocitaria con-servata nei valori percentuali, un aumento della velocità di eritrosedimentazione (1 a ora 60 mm) e positività per HCV-Ab. Altri esami di laborato-rio erano nei limiti della norma, in particolare la valutazione della riserva funzionale epatica era normale, con un tempo di protrombina del 98% e 4,2 g/dl di albuminemia. La tipizzazione linfo-citaria documentava una normale distribuzione delle popolazioni cellulari. La radiografia del torace non evidenziava le-sioni. L'ecografia dell'addome confermava la presenza di epatosplenomegalia con un reperto ecografico compatibile con una cirrosi epatica. L'esame ecografico della formazione al braccio destro evidenziava la presenza di un nodulo ipoecogeno con bordi ecogeni ed area di colli-quazione centrale. Casi clinici Case reports
fatcat:yktr6fcx45dvrds6qrrchk27c4