Il futuro prossimo della terapia insulinica Riassunto

Carlo Giorda
unpublished
La terapia insulinica è tutt'ora il cardine della terapia del diabete non solo nel tipo 1 ma anche nel tipo 2 dove è sempre più utilizzata. La presenza di picchi, l'insufficiente copertura per almeno 24 ore, l'elevata variabilità intra-e inter-individuale e gli effetti collaterali, come aumento di peso o ipoglicemia, sono i grandi limiti delle insuline attuali L'insulina degludec è un'insulina basale di nuova generazione definita ultra-long-acting; essa esplica la sua azione formando
more » ... formando multi-esameri solubili nel sito di iniezione, che lentamente rilasciano monomeri di composto nella circolazione sanguigna, dando una prolungata durata di azione. L'insulina degludec è un'opzione terapeutica sicura, adatta per i pazienti che richiedono una certa flessibilità nell'aderenza ad un regime insulinico, in accordo con il loro stile di vita o con le circostanze. In questo articolo si riportano le evidenze disponibili derivanti dagli studi di farmacologia e dai trial registrativi dell'insulina degludec. Summary Insulin analogues have substantially modified diabetes treatment in recent years and play a key role in the treatment of T1DM and T2DM. They do not offer greater glycemic control than human or NPH insulin, but a reduced risk of hypoglycemia. With current basal insulin analogues, the glucose lowering effect does not allow 24-hour cover and does not completely mimic the physiologic profile of basal insulin secretion. Furthermore, these analogues exhibit some within-patient variability in their metabolic effect, which is a limitation to optimal titration A novel basal insulin analogue, Degludec , with its long action profiles and stability, has the potential to improve the care of diabetes, thanks to more stability/less variability, more flexibility in dosage, and in particular to the reduction of hypoglycemia. Degludec is an ultra-long-acting basal insulin, with a half-life of almost 48 hours. It has a smooth and stable pharmacokinetic profile primarily because it forms soluble multi-hexamers when injected subcutaneously, and this results in a significantly longer action profile than current basal insulin formulations. In trials Degludec has shown the capacity to reduce the number of hypoglycemic events both in patients with T1DM and T2DM. Introduzione Tutti i pazienti con diabete di tipo 1 e un significativo numero di quelli con diabete di tipo 2 necessitano di terapia con insulina (1,2) ed è di dominio comune che la non aderenza al regime insulinico comporta un peggiore controllo glicemico (3, 4, 5, 6) . Si riscontra quotidianamente come sia difficile ottenere l'aderenza dei pazienti alla terapia insulinica e come questo richieda una forte motivazione sia del medico sia del paziente. Un sondaggio online di pazienti con diabete di tipo 1 e tipo 2, trattati con insulina, ha sottolineato l'importanza del problema. Dei 500 pazienti, più della metà (57%) riportava di non eseguire intenzionalmente le iniezioni di insulina per motivi vari, mentre una costante omissione delle iniezioni veniva riportata dal 20% dei pazienti interrogati (7) . In effetti il 22% degli esaminati ha dichiarato di pianificare le attività giornaliere basandosi sulle tempistiche delle iniezioni di insulina. È quindi probabile che la non aderenza possa ricondursi ad un mix negativo tra stili di vita impossibili per i pazienti e regimi di somministrazione a orari fissi (7) . Dal punto di vista dei pazienti una delle principali preoccupazioni è evitare l'ipoglicemia: tutto questo può riflettersi in omissione di dosi di insulina prescritta e causare un peggiore controllo glicemico (8) . L'impatto della non aderenza alla terapia sul controllo glicemico è stato evidenziato da Donnelly in uno studio su pazienti con diabete tipo 2, dove è stata riscontrata una significativa correlazione inversa tra l'aderenza al trattamento e la HbA1c (9) . In un altro studio, l'omissione di due iniezioni di insulina basale ogni settimana in pazienti con diabete di tipo 1 è risultato responsabile di un aumento della HbA1c di 0,2-0,3% (10) . Parole chiave: Insulina basale, Nuova terapia, Variabilità glicemica, Rischio di ipoglicemia
fatcat:wnkznohalnctvozb6o47yrem6q