Sull'ausiliazione perfettiva in maceratese

T Paciaroni
2009
inoltre a tutti coloro che a Macerata, Corridonia e Monte S. Giusto si sono prestati a rispondere alle mie domande. 1 L'area maceratese s'inscrive all'interno dell'Italia mediana che ha fra i suoi tratti caratteristici: i) la metafonesi cosiddetta sabina; ii) il mantenimento della distinzione fra - e -o in fine di parola; iii) l'opposizione morfologica tra un genere maschile che designa la "materia attualizzata" ed un genere neutro che designa la "materia indeterminata e presa in generale"
more » ... sa in generale" (Contini 1961(Contini -1962. L'opposizione in ii) fa inoltre sì che non vi sia sincretismo fra le due funzioni del marcamento dell'accordo participiale al maschile e del non accordo (ad es. iss E kkaškat  "lui è caduto" ≠ iss a fat iat o "lui ha lavorato", con la stessa -o che marca l'accordo al neutro in lo ši rit o E ša orat o "l'alcol è evaporato"). Si veda per un'illustrazione del tipo mediano Vignuzzi (1988). 2 Per una presentazione più estesa della GR si rimanda ai lavori di Blake (1990) e Roegiest (2001). 3 Qui e in séguito negli esempi l'impiego degli ausiliari essere ed avere sarà segnalato con l'iniziale degli etimi latini, rispettivamente E e H.
doi:10.5167/uzh-29075 fatcat:ne4vts4xlzdrtgpmbszedrnnd4