Prefazione agli Occasional Papers del CeSLiC-ISSN 1973-221X Colonialism, Children's Literature and Translation. The Colonial Gaze: A reading of the text and illustrations in Italian versions of The Jungle Books

Paola Filippi, Valeria Franzelli, Louann Haarman, Anna Mandich, Marina Manfredi, Donna Miller, Ana Pano, Monica Perotto, Rosa Pugliese, Maria José, Rodrigo Mora, Eva-Maria Thüne (+7 others)
unpublished
La serie degli Occasional Papers è una collana collocata all'interno dei Quaderni del Centro di Studi Linguistico-Culturali (CeSLiC), il centro di ricerca del quale sono responsabile scientifico e che svolge ricerche nell'ambito del Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Moderne dell'Alma Mater Studiorum -Università di Bologna. Gli Occasional Papers sono accessibili all'URL Finora sono stati pubblicati i seguenti saggi: (2005) Fusari, Sabrina, Il direct mail per le organizzazioni
more » ... ofit: analisi retorica interculturale italiano-inglese (2005) Louw, Bill, Dressing up waiver: a stochastic collocational reading of 'the truth and reconciliation' commission (TRC) (2005) Nobili, Paola, 'Saper vivere' con gli altri (2006) Witalisz, Alicja, English Linguistic Influence on Polish and other Slavonic Languages (2006) Larisa Poutsileva, Raccontare il mondo in lingue diverse: Sara' lo stesso mondo? (2007) Mette Rudvin, Stereotypes of 'primitivism' and 'modernity' in immigrant-related discourse in the Italian media ii (2007) Ana Pano, Anglicismos en el lenguaje de la informática en español. El "misterioso mundo del tecnicismo" a través de foros y glosarios en línea. (2007) Sabrina Fusari, Idioletti e dialetti nel doppiaggio italiano de I Simpson (2008) Alida Maria Silletti, La traduzione del futuro verbale in ottica contrastiva italianafrancese-inglese (2008) Jane Helen Johnson, Corpus Stylistics and Translation (2009) Sabrina Fusari, Il filmato turistico multilingue come discorso specializzato: il caso di studio della Val Gardena (2009) Alida Maria Silletti, Analisi della "futurità" verbale in ottica comparativa italianafrancese-inglese (2009) Antonella Luporini, Frames, Transitivity Structures e gerarchie di potere tra personaggi: Harry Potter affronta Lord Voldemort in The Sorcerer's Stone (2009) Jane Helen Johnson, Towards an identification of the authorial style of Grazia Deledda. A corpus-assisted study (2010) Cinzia Spinzi, 'How this holiday makes a difference': the language of environment and the environment of nature in a cross-cultural study of ecotourism (2010) Goranka Rocco, Das Gerundium in italienischen Gesetzestexten und seine Umsetzung ins Deutsche (2010) Sabrina Righi, L'African American Vernacular English: una varietà linguistica sovraregionale (2011) Fabio Regattin, Qu'est-ce que la mémétique ? Et quel rôle peut-elle jouer pour la traductologie? A questi papers si aggiungono le altre pubblicazioni del CeSLiC -ossia, gli E-Libri -che includono: 1) la serie di manuali dei Quaderni del CeSLiC: Functional Grammar Studies for Non-Native Speakers of English http://www2.lingue.unibo.it/ceslic/e_libri_1_func_grammar.htm che già vanta quattro volumi pubblicati; 2) gli Atti dei Convegni patrocinati dal centro: -a cura di D. Londei, D.R. Miller, P. Puccini, Gli atti completi delle giornate di studio del CeSLiC del 17-18 GIUGNO 2005: "Insegnare le lingue/culture oggi: Il contributo dell'interdisciplinarità", a http://amsacta.cib.unibo.it/archive/00002055, disponibile anche in versione cartacea: Londei D., Miller D.R., Puccini P.(a cura di), 2006, Insegnare le lingue/culture oggi: Il contributo dell'interdisciplinarità, Atti di Convegni CeSLiC 1, Bologna, Edizioni Asterisco. e iii -a cura di Miller D.R. e Pano A., Selected Papers di quelli presentati al convegno nazionale CeSLiC del 4-5 dicembre, 2008, dal titolo: "La geografia della mediazione linguistico-culturale/ The Geography of Language and Cultural Mediation", a http://amsacta.cib.unibo.it/2626/ disponibile anche in versione cartacea: Miller D.R. e Pano A., 2010, La geografia della mediazione linguistico-culturale, Selected Papers, Atti di Convegni CeSLiC 2, Bologna, Du.press. Inoltre gli E-libri del CeSLiC comprendono anche i volumi compresi in: 3) la collana di Studi grammaticali, a: http://www2.lingue.unibo.it/ceslic/e_libri_studi_grammaticali.htm e 4) la collana di Altre pubblicazioni -AMS Acta, nata nel 2010, a http://www2.lingue.unibo.it/ceslic/e_libri_altre_pubblicazioni.htm È con vivo piacere che presentiamo questo nuovo contributo agli Occasional Papers, di Mette Rudvin, ricercatrice in lingua inglese e traduzione. La Dott.ssa. Rudvin insegna presso l'Università di Bologna dal 1995 e ha studiato presso le Università di Oslo, Oxford e Warwick, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in teoria della traduzione. Le sue pubblicazioni e i suoi insegnamenti vertono sulla grammatica funzionale, la teoria della traduzione, la letteratura angloindiana, la letteratura per l'infanzia, l'identità nazionale e il folklore. Negli ultimi dieci anni le sue attività scientifiche e didattiche hanno posto particolare attenzione alla comunicazione interculturale e alla mediazione linguistica. La studiosa ha un'esperienza pluriennale come traduttrice e mediatrice linguistica/ interprete e attualmente coordina un progetto di ricerca sulla formazione di mediatori e interpreti in ambito legale a Bologna. Il suo contributo s'intitola: Colonialismo, letteratura per l'infanzia e traduzione. Lo sguardo coloniale: Una lettura del testo e delle illustrazioni del Libro della Giungla L'articolo esamina i concetti e valori colonialisti presenti nella letteratura vittoriana per l'infanzia e indaga se, e in che modo, questi siano sopravvissuti nelle traduzioni italiane tramite revisioni e iv illustrazioni in uno degli autori più rappresentativi del periodo vittoriano britannico, Rudyard Kipling. Il saggio prende in esame il Libro della Giungla, scritto tra il 1894 e il 1895 in due volumi, focalizzando l'attenzione sulle storie che vedono Mowgli come protagonista, indagando come sono presentate le relazioni interpersonali fra i vari personaggi, e come sono condizionate dalla visione ideologica di Kipling. In particolare ci si sofferma sui concetti di gerarchia, di autorità, di natura, sulla Legge della Giungla, e sulla caccia. Il saggio prende anche in considerazione la vita privata di Kipling, il suo rapporto con l'India, e come questi fattori possano essere collegati al concetto di letteratura per l'infanzia contemporanea nel canone letterario occidentale. Esaminando una vasta gamma di traduzioni italiane, l'articolo pone in evidenza le seguenti questioni: -Fino a quale punto questi aspetti della visione del mondo di Kipling sono mantenuti nella traduzione, e se sono adattati, in che modo è attuata la rimozione? -Quali sono le circostanze degli attori (ossia, gli scrittori, traduttori, revisori e case editrici) e editori) e dello stesso processo traduttivo? -Come viene gestita nella traduzione la dimensione ideologica del testo di partenza, data la forte funzione educativa e informativa della letteratura per l'infanzia? -Il 'subtext' coloniale viene smussato o enfatizzato dai traduttori e dai revisori? -I mutamenti traduttivi dipendono delle singole scelte dei traduttori e revisori e dalle loro ideologie e preferenze? -Essi cambiano nel tempo seguendo gli approcci politici? Sarebbe interessante in questo contesto, come non manca a rilevare l'autrice, includere una prospettiva più ampia del materiale meta-narrativo ed esaminare le politiche editoriali e di mercato (sia in Gran Bretagna, sia in Italia), tenendo conto del loro cambiamento e di come influenzano materialmente le decisioni dei traduttori, degli illustratori, degli agenti pubblicitari e della catena di distribuzione. concetti chiave: traduzione, letteratura per l'infanzia, Kipling, Il Libro della Giungla, colonialismo. Donna R. Miller Bologna, li 16 novembre 2011 Colonialism, Children's Literature and Translation. The Colonial Gaze: A reading of the text and illustrations in Italian versions of The Jungle Books Mette Rudvin 1 University of Bologna translator is given; the translator Pieroni is on the title page but in small print; one exception to this trend is the Padoan translation illustrated by Scarato and Spaliviero.
fatcat:x2uda5xgpbfzjgwi7rmjsrrr7e