Improvements in the management of rheumatic patients from vertebral image obtained through dual-energy X-ray absorptiometry

M. Rossini, O. Viapiana, L. Idolazzi, D. Gatti, C. Pompermaier, S. Adami
2011 Reumatismo  
morbilità e della mortalità (3-7). Anche le fratture vertebrali classificate come lievi o moderate o manifestatesi solo radiologicamente comportano un aumento del rischio di recidiva (8). Il valore predittivo del rischio di frattura di una pregressa frattura vertebrale è superiore a quello del risultato densitometrico (9). Dal momento che la maggior parte delle fratture vertebrali non vengono riconosciute clinicamente, la diagnosi mediante l'esame radiologico è da considerarsi la sola modalità
more » ... i la sola modalità per identificare e per confermare nella pratica clinica la presenza di una frattura vertebrale da osteoporosi. Il problema della sottodiagnosi delle fratture vertebrali è tuttora rilevante e diffuso, attribuibile in parte all'insufficiente riscontro radiografico ed in parte all'ambiguità dell'interpretazione e della terminologia (10). L'identificazione di nuove fratture è oggi di gran- INTRODUZIONE L' utilità clinica della diagnosi di frattura vertebrale è largamente riconosciuta. I pazienti che hanno subito una frattura vertebrale rappresentano un gruppo particolarmente vulnerabile poiché è stato dimostrato che una pregressa frattura vertebrale si associa ad un aumento del rischio di recidiva di 3-5 volte (1), specie nel 1° anno post-frattura (2), ed ad un rischio doppio di frattura di femore. Sia le fratture vertebrali sintomatiche che quelle asintomatiche sono associate ad un incremento della Reumatismo, 2006; 58(4):253-260 SUMMARY The diagnosis of asymptomatic vertebral fracture is clinically useful and the identification of new fractures may influences the choice of appropriate therapeutic measures. In order to identify moderate and asymptomatic vertebral deformities in an objective and reproducible manner, vertebral morphometry is performed. This method measures the vertebral body's anterior, middle and posterior heights at the dorsal and lumbar level. Currently this technique is per- formed on lateral images of the spine obtained through the traditional X-ray method (radiological morphometry or morphometric X-ray radiography, MRX) and, more recently from images obtained through dual-energy X-ray absorptiometry (DXA) machines (visual assessment of x-ray absoptiometry scans or morphometric X-ray absorptiometry, MXA), commonly used to measure bone mineral density. The main advantage of MXA relative to MRX is the lower radiation dose to which the patient is exposed during the exam. In addition, MXA scans offers the advantage of acquiring a single image of thoracic and lumbar spine, without any distortion (e.g.: coning). The most obvious advantage of MXA is the opportunity of obtaining during the same session a bone mineral density evaluation, and digital images that are easily processable, manageable, recordable and comparable for the patient's follow up. A limitation of the MXA technique is the inferior quality of the images, that make often impossible the detection of the vertebral edges, and the impossibility to visualize the upper thoracic vertebral bodies. MXA, despite its intrinsic limitations, when carried out by trained personnel may provide substantial improvements in the management (diagnosis and follow-up) of rheumatic patients. Parole chiave -DXA, morfometria, frattura vertebrale.
doi:10.4081/reumatismo.2006.253 fatcat:kpokdshcy5crrjd2lstqvor4ni