Ontologia e filosofia del linguaggio in Platone: acluni studi recenti

Francesco Fronterotta
2009 Plato Journal  
A navegação consulta e descarregamento dos títulos inseridos nas Bibliotecas Digitais UC Digitalis, UC Pombalina e UC Impactum, pressupõem a aceitação plena e sem reservas dos Termos e Condições de Uso destas Bibliotecas Digitais, disponíveis em https://digitalis.uc.pt/pt-pt/termos. Conforme exposto nos referidos Termos e Condições de Uso, o descarregamento de títulos de acesso restrito requer uma licença válida de autorização devendo o utilizador aceder ao(s) documento(s) a partir de um
more » ... partir de um endereço de IP da instituição detentora da supramencionada licença. Ao utilizador é apenas permitido o descarregamento para uso pessoal, pelo que o emprego do(s) título(s) descarregado(s) para outro fim, designadamente comercial, carece de autorização do respetivo autor ou editor da obra. Na medida em que todas as obras da UC Digitalis se encontram protegidas pelo Código do Direito de Autor e Direitos Conexos e demais legislação aplicável, toda a cópia, parcial ou total, deste documento, nos casos em que é legalmente admitida, deverá conter ou fazer-se acompanhar por este aviso. Ontologia e filosofia del linguaggio in Platone: acluni studi recenti Autor(es): Fronterotta, Francesco Publicado por: Imprensa da Universidade de Coimbra Presento in questa rassegna, certamente non esaustiva né quantitativamente né qualitativamente, alcuni studi su Platone, comparsi prevalentemente, ma non esclusivamente, negli ultimi cinque anni, sul tema dell'ontologia e della filosofia del linguaggio. Trattandosi di una rubrica che adotterà una cadenza regolare, verosimilmente triennale, è opportuno fornire in questa prima uscita alcune indicazioni di carattere generale. Innanzitutto, l'etichetta adottata, tanto in relazione all"ontologia' quanto alla 'filosofia del linguaggio' , fa riferimento a categorie appartenenti piuttosto al pensiero filosofico e scientifico moderno e contemporaneo che non alla riflessione classica: parlando di 'ontologia' di Platone, si allude pertanto, in termini generali, alla concezione platonica dell'essere e di ciò che è (τὸ ὄν, εἶναι), vale a dire all'esame che egli dedica alla natura e allo statuto delle cose che sono; in quanto poi, come si sa, Platone distingue fra un ambito di oggetti di natura e statuto sensibile e un ambito di oggetti di natura e statuto intellegibile, di cui viene talora precisato in modo esplicito che si situano su un piano di realtà distinto e separato dal mondo fisico, tale ontologia implica una serie di sviluppi di carattere metafisico. Analogamente, per quanto riguarda la 'filosofia del linguaggio' , non soltanto verranno presi in considerazione i contributi relativi all'indagine intorno alla concezione platonica del linguaggio, ma l'attenzione sarà rivolta in modo particolare al caratteristico approccio, che Platone condivide con alcuni dei suoi predecessori e successori, alla questione specifica della relazione fra i nomi e le cose, vale a dire alle modalità operative e funzionali, naturali o convenzionali, del linguaggio rispetto agli oggetti di cui parla, in una prospettiva che, nella filosofia contemporanea, specie dopo le opere dell'ultimo Wittgenstein, ha perduto gran parte del suo interesse. Fatte queste precisazioni, occorre ancora preliminarmente rilevare, come è ben noto agli studiosi e ai lettori di Platone, che le tematiche individuate si FRONTEROTTA, Francesco, "Ontologia e filosofia del linguaggio in Platone. Acluni studi recenti."
doi:10.14195/2183-4105_9_5 fatcat:cnakjfebffhntbejji7clzzkoq