Spigolature storiche per il futuro

unpublished
La caduta nell'anarchia internazionale, che ha trovato la sua espressione più violenta nella seconda guerra mondiale, ha reso, fin dai primi suoi sinistri bagliori, più acuta l'aspirazione che si pone come il più tormentoso problema contemporaneo: la pace. E però negli Stati Uniti d'America ed in Inghilterra, come quasi dappertutto, mas-sime nei Paesi neutrali, studiosi isolati, società scientifiche, raggrup-pamenti educativi, politici, economici, morali e religiosi si sono ben presto dedicati
more » ... en presto dedicati all'indagine sui migliori mezzi per assicurare una vita pacifica ai popoli. Ma la preoccupazione più forte è stata l'organizza-zione della pace, nella coscienza che la pace può essere raggiunta più facilmente solo organizzandola seriamente. E di questa organizzazione sono stati scrutati gli aspetti più varî, dal politico al giuridico, dall'e-conomico al sociale. I progetti si sono susseguiti ai progetti, ed in essi le dottrine ed i modi di applicazione nel dettaglio variano all'infinito. Cosi-per non parlare che dei problemi politici-alcuni volevano riformare la Società delle Nazioni negli organi, altri portandola su ba-si del tutto nuove; alcuni amavano realizzare una federazione dei po-poli uniti dalla stessa filosofia politica, mentre per altri l'ideale era una federazione a raggio continentale; alcuni volevano delle federa-zioni regionali, altri delle federazioni fondate su criteri differenti, al-tri ancora aspiravano ad un parlamento mondiale in uno Stato uni-versale, nel quale le Nazioni componenti avrebbero dovuto avere un'esistenza paragonabile a quella dei cantoni in Svizzera e degli Sta-ti nell'Unione americana, esempi presi in particolare considerazione. Per molti, inoltre, l'organizzazione avrebbe dovuto rispettare fino al-l'estremo limite gli attributi delle sovranità nazionali, ed i varî Stati componenti sarebbero stati uniti dal loro comune riconoscimento del-la legge internazionale; per molti altri, ed è forse la maggioranza, bi-sognava creare un organismo nel quale fossero conciliati adeguata-mente due scopi: l'uno, vivamente desiderato ma ritenuto chimerico: 625 *jRiproduzione parziale della Relazione letta nella XXII Settimana sociale dei cattolici italiani, svoltasi a Milano, dal 26 settembre al 3 ottobre 1948, sul tema: "La Comunità internazionale".
fatcat:7znafejpvzgozirs5rpgcvwmoe