Improvideo. Etica e estetica dell'improvvisazione coreutica

Davide Sparti
2017 unpublished
While all human agency unfolds with a certain degree of improvisation, there are specific cultural practices in which improvisation plays an even more relevant role. Argentine tango is one of them. If tango is the chosen field of reference, I do not attempt to sing the praises of the form, but rather to establish a set of categories which enable to analytically frame improvisation (understood as the capacity to produce, under the special conditions of performance, something new). My
more » ... , as Wittgentstein would say, has a "grammatical" design to it, proposing signposts and concepts to clarify the significance of the term "improvisation". PREMESSA Improvvisazione descrive la capacità di far leva sull'imprevisto. Ciascuno di noi è indotto ad improvvisare dalla contingenza del-le circostanze (la macchina va in panne; mi imbatto in una persona che non mi sarei mai aspettato di incontrare...), e dal fatto che ruoli e regole non sono in grado di anticipare esattamente il corso degli eventi, o comunque, che siamo noi a non essere in grado di anticipa-re come risponderemo a tali congiunture. Ma analizzare cosa signi-fichi improvvisazione è altra cosa. Non si tratta di cavarsela in cir-costanze mobili quanto di concettualizzare una pratica performativa, fornendo categorie per pensarla. Pur parlandone con una certa disin-voltura, non sempre sappiamo descrivere tale pratica con la dovu-ta precisione. Come è possibile l'improvvisazione? Da dove viene? Come la si costruisce? Sulla base di quali criteri si prendono "deci-sioni" mentre si improvvisa? Da quali fattori interni ed esterni si è condizionati? Ci si può riferire a un'etica dell'improvvisazione? Che forma assume? Sono domande che intendo qui esplorare (non risol-vere), esplorare attraverso una gamma di categorie. Prese insieme, tali categorie costituiscono una cornice di intelligibilità per pensare
fatcat:urpdxojg2ng6fofl4gb76p4sha