Biagio Scuderi

Dimitris Papaioannou
unpublished
E vidi Sisifo, che pene atroci soffriva reggendo con entrambe le mani un masso immenso. Costui, piantando le mani e i piedi, spingeva su un colle la pietra: ma appena stava per varcarne la cresta, ecco la Violenza travolgerlo; e rotolava al piano di nuovo la pietra impudente. Ed egli, tenendosi, spingeva di nuovo: dalle membra gli colava il sudore, dal suo capo gli colava la polvere. Odissea, libro XI, 593-600 Dopo la première del maggio 2014 all'Onassis Cultural Center di Atene è arrivato
more » ... ene è arrivato anche a Milano l'ultimo lavoro di Dimitris Papaioannou: Still Life (CRT-Teatro dell'arte, 28 e 29 ottobre 2015). L'artista greco, a ragione sempre più presente nei palcoscenici internazio-nali, è dotato-come è noto-di un talento poliedrico: del resto sul suo profilo ufficiale si legge pittore, performer, artista comico, coreografo e regista. In effetti, vedendo i suoi lavori (Papaioannou era presente i primi di ottobre anche a Vicenza con Primal Matter, Teatro Olimpico per il 68° Ciclo di spettacoli classici) si percepisce immediatamente che c'è spessore, c'è corpo, c'è pensiero, insomma, c'è materia. E di materia tratta Still Life, graffiante ri-lettura del mito di Sisifo, creatura costretta a trascinare la sua croce di pie-tra in bilico tra sudore e polvere. Entrati in sala troviamo Dimitris già sulla scena, seduto e con un sasso in mano, squar-cio di liminalità non nuovo per il moderno teatro, ma spesso (forse) sottovalutato dal pubblico. Alcune domande, infatti, potrebbero (e dovrebbero) sorgere nella mente di uno spett-attore mentre prende posto: dove sta il confine tra me e lui? Tra la (mia) realtà e la (sua) finzione o, se vogliamo, tra la sua reale finzione e la mia finta realtà? In Still Life non ci sono confini, non ci sono convenzioni da rispettare, sipari da aprire o luci da spegnere. Entra allora ex abrupto un tecnico di scena che, inaspettatamente, sfila a Papaioannou la sedia su cui è seduto; lui non si scompone e rimane nella medesima posizione, seduto sul nulla. È questo il preludio al primo segmento drammaturgico. Dimitris esce di scena e nuvole di fumo si raccolgono al di sotto della graticcia; sono serrate da un sottile velo di plastica che ne fa un cielo in movimento, simbolo forse di un'alterità incombente che si condensa come matassa opaca, grigia minaccia per una creatura che trascina dal fon-do del palcoscenico la sua 'pietra'. Alcuni microfoni sono adagiati sul pavimento, pronti ad amplificare qualsiasi rumore di scena (esclusiva partitura sonora dello spettacolo). L'attrito tra le superfici è dunque l'unico canto dato nel mesto procedere di Sisifo fino al centro dello stage. Una volta guadagnata la posizione ha inizio il confronto tra l'uomo e la materia: una ferita al centro della pietra diviene passaggio segreto per celare varie parti del corpo, braccia o gambe risucchiate dal fuori al dentro e poi espulse; una sequenza che si ripete più volte, offrendo sempre nuove segmentazioni di un corpo fatto ibrido.
fatcat:75iyp4fbrrah5myr7o3g4he544