Contratto preliminare, opzione ed eccessiva onerosità sopravvenuta

Guido Belli
unpublished
SINTESI a) Risolvibilità del preliminare puro e del preliminare ad effetti anticipati Per lungo tempo la dottrina si e ' interrogata sull'applicabilità del rime-dio dell'art. 1467 c.c. al contratto preliminare c.d. puro, nelle ipotesi in cui tra la sua conclusione e il perfezionamento del definitivo soprag-giungano avvenimenti straordinari e imprevedibili, tali da alterare irrimediabilmente il sinallagma originariamente prefissato dalle parti, provocando uno squilibrio economico tra le
more » ... ico tra le prestazioni.La questione e ' stata risolta in senso positivo, col riconoscimento in favore del con-traente la cui obbligazione sia divenuta abnormemente gravosa, della facoltà di liberarsi dall'obbligo de contrahendo. Qualche dubbio persiste, invece, riguardo al preliminare a effetti anti-cipati. Il dato normativo, invero, qualificando l'eccessiva onerosità come una vicenda concernente prestazioni ad esecuzione futura, sem-brerebbe non consentire di invocare il rimedio de quo alla parte che abbia già eseguito la propria obbligazione, ad esempio mediante l'in-tegrale pagamento del prezzo al momento del preliminare. b) Preliminare unilaterale, tra eccessiva onerosità e riduzione ad equità Secondo alcuna dottrina gli estremi dell'eccessiva onerosità sopravve-nuta non sarebbero valutabili con riferimento al preliminare unilate-rale, non essendo questo un contratto a prestazioni corrispettive, giac-ché l'obbligazione di concludere il definitivo investe una parte soltan-to, la quale potrebbe, tutt'al più, domandare una riduzione della sua prestazione ai sensi dell'art. 1468 c.c. c) La tutela del proponente il patto d'opzione Il problema dell'applicabilità dell'art. 1467 c.c. si e ' posto anche in re-lazione al patto d'opzione, col quale, similmente al preliminare unila-terale, uno solo dei contraenti si impegna verso l'altro. La giurisprudenza moderna sembra orientata nel senso di ritenere l'opzione soggetta all'art. 1467 c.c. o al rimedio della riconduzione ad equità dell'art. 1468 c.c., a seconda che dal patto discendano obbliga-zioni corrispettive, oppure obbligazioni ex uno latere. » SOMMARIO 1. L'alterazione dell'economia del contratto e il rimedio della risoluzione ex art. 1467 c.c.-2. L'applicabilità al contratto preliminare-3. Segue: il contratto preliminare unilaterale-4. La risolvibilità del patto di opzione.
fatcat:qg7l73mxmbey7n7ogyfmrsh5qa